English VersionVersione Italiana
Versione stampabile
Pubblicazioni 
Cerca

Dove Cercare:
Cerca Centri GILD
Cerca un centro accreditato nella tua cittā
Cittā o Provincia
Nome (Opzionale)
Notizie
 
 
Rughe del volto
gruppo gild-ftp | 14 ottobre 2011 - 12:10 | 0 Commenti
 

Le rughe sono certamente il risultato inequivocabile dell'avanzare dell'età, ma esistono anche quelle definite di espressione. Rughe di espressione si manifestano anche sul viso giovane per un'azione riflessa dei muscoli facciali. Queste rughe, o pieghe di espressione, si diversificano da quelle di senescenza proprio perché non si formano su un'epidermide che ha perduto la sua normale elasticità. Alcune abitudini, come la contrazione della bocca quando si fuma, l'ammiccamento frequente degli occhi, per esempio del miope, il ravvicinare le sopracciglia alla radice del naso, tipico gesto del pensatore, determinano pieghe dermiche. 
 
TRATTAMENTO LASER
Diverse sono le sorgenti laser da poter utilizzare nel trattamento delle rughe, ma la nostra esperienza ci ha guidato verso una sorgente CO2 10600 nm applicata ad una scansione frazionale minimamente ablativa. (molto utile anche la tradizionale scansione ablativa, skin resurfacing ablativo, che implica però lunghi tempi di guarigione). La metodica dello skin resurfacing frazionale minimamente ablativo si è dimostrata efficace nell’attenuazione delle rughe . Si osserva un notevole e progressivo miglioramento dell’elasticità della cute e della texture, grazie all’attivazione fibroblastica e alla neocollagenogenesi, con un effetto finale di migliore plasticità e levigatezza cutanea. 
E’ stata osservata in genere una sensibile riduzione dei segni del fotodanneggiamento.Positive sono anche le osservazioni soggettive riferite dai pazienti riguardo al dolore durante il trattamento, ai tempi di guarigione ed alla sensazione di levigatezza e compattezza della cute da loro stessi rilevate.
Nella nostra esperienza la tecnologia frazionale minimamente ablativa si è dimostrata una metodica efficace e sicura consentendo di raggiungere risultati soddisfacenti con una o più applicazioni, con tempi di recupero mai superiori ai dieci giorni. La metodica può essere quindi considerata come una valida risposta tecnologica alla sempre maggiore richiesta di risultati correlati a ridotti tempi di guarigione.
Condividi articolo con: